Ricordiamo a tutti i lettori che mettiamo a disposizione un sistema aperto che permette nella maniera più democratica di commentare liberamente qualunque notizia, attivando così dei forum di discussione. E' un modo di partecipazione alla vita calcistica dell'Eccellenza pugliese, ma non deve diventare occasione di sfogo volgare. Mantenete sempre alto il livello di civiltà ed evitate di offendere gli interlocutori. Per commentare le notizie occorre disporre di un profilo GOOGLE o BLOGGER.

Ostuni Sport - Asd Putignano 5-0

30 novembre 2008
di Aldo Guagliani

Vittoria dei padroni di casa sul fanalino di coda Putignano.
Al 7' discesa di Piscopo con cross per Tenzone che, davanti alla porta sguarnita, tira alto.
Lo stesso Tenzone, pero' al 12', realizza con un tocco a pallonetto sull'uscita del portiere ospite su passaggio di Parente (nella foto assieme a Tenzone).
Dopo 2 minuti e' Nuzzaci a ribadire in rete dopo un suo precedente tocco respinto da Lezzi ed a siglare il raddoppio.
Al 26' un tiro di Piscopo e' parato a terra in due tempi ancora da Lezzi, mentre al 28' una punizione al limite di Luceri vede l'estremo di casa Palmieri respingere coi pugni e parare il susseguente tiro dello stesso Luceri.
Al 37' giravolta di Tenzone, vola Lezzi per deviare in tuffo. E' l'ultima azione degna di nota del primo tempo.
La ripresa si apre al 4' col penalty realizzato da Tenzone per il 3-0.
All' 8' il Putignano colpisce un legno con Gentile che, trovatosi solo davanti alla porta ostunese, tira centrando il palo sinistro.
Al 21', poi, ancora Tenzone infila la porta avversaria per la quarta volta.
Allo scadere del tempo c'è gloria anche per Porro che insacca di testa su calcio d'angolo battuto da Grieco.

OSTUNI SPORT
Palmieri, Matera, De Cesare, Parente (58' Toscano), Amato, Monaco, Piscopo (69' Grieco), Porro, Miccoli Mattia, Tenzone, Nuzzaci (76' Barnaba). A disp: Furone, De Cerchio, Miccoli Manuel, Kreshpa.

ASD PUTIGNANO
Lezzi, Palmisano, Console (28' Gentile), La Forgia, Bellantuono, Frecentese, Calducci, Pace, Parago' (51' Fall), Luceri, Vittorione (65' Genco). A disp: Di Lauro, De Tullio, Giannandrea

Usd Terlizzi - Acd Massafra 3-0

30 novembre 2008
da Sportmagazine.it

Meglio dimenticare e andare avanti. Deve farlo il Massafra, dopo la sonora sconfitta di Terlizzi.
Perchè giovedì c'è la coppa, e non ci si possono permettere distrazioni, e perchè comunque i giallorossi non hanno demeritato.
Il gol subito dopo 2 minuti, la traversa di Candita e i miracoli di Loperchio hanno bloccato la squadra di Pettinicchio.
Nell'undici titolare non c'è lo squalificato Ciaurro, sostituito da Russo. L'attacco è confermato, oltre che obbligato, con Piccolo e Montanaro davanti. Confermata la difesa meno battuta del campionato, che però dopo appena due minuti di gioco prende già il primo gol.
Cross di Roselli in area, mischia e piede di Manzari che trova il momento e la posizione giusta per infilare Leone.
Così al Massafra tocca riprendere da centrocampo e con un gol già sul groppone. Situazione non facile da accettare, soprattutto se mancano ancora 88 minuti e hai appena iniziato la partita. I massafresi però non si demoralizzano. Anzi, il gol subito sembra rivitalizzarli, se è vero come è vero che dopo appena due minuti dall'1-0 Piccolo avrebbe già l'occasione di pareggiare, se il suo tiro non fosse deviato dal portiere in angolo.
I padroni di casa cercano di far tesoro del vantaggio acquisito, il Massafra invece attacca a testa bassa, come un toro ferito.
Montecasino spedisce alto al 15', e non va bene nemmeno al 17' quando un malinteso tra Bonasia e Ricci lascia campo libero a Piccolo, che a tu per tu con Lovecchio e a botta sicura cerca la porta, ma trova i pugni del numero uno di casa che spediscono in angolo la conclusione.
Se non ci riesce Piccolo allora ci prova Montanaro, ma non è giornata nemmeno per lui.
Due cross, due tentativi di testa, due occasioni fallite. La prima palla messa in mezza da Piccolo Montanaro nemmeno la tocca, arrivandoci solo vicino. Sul secondo cross, quello di Candita (foto in alto: GF Communication), invece, il colpo di testa c'è, ma la difesa disturba e ne viene fuori una conclusione imprecisa che termina di poco a lato.
Come si era concluso il primo tempo così comincia il secondo. Massafra in avanti e Terlizzi in difesa.
Due minuti e altra occasione per i giallorossi. Punizione di Candita, palla che rasoterra arriva davanti al portiere, si impenna e colpisce la traversa. La palla torna in campo e Zaccaro è ben appostato, ma la porta sembra stregata e il suo colpo di testa finisce alto.
Prova e riprova prima o poi dovrà entrare, si pensa, e invece dopo l'ennesima occasione sprecata al 10', con Palmisano che tira debolmente da posizione ottima verso Lovecchio, arriva il raddoppio del Terlizzi. Leone fuori dai pali, Roselli invitato a nozze e pallonetto che scavalca il numero uno giallorosso: 2-0 all'11'.
I massafresi intensificano gli attacchi, ci credono, ma non c'è verso.
Montanaro, Piccolo e Montecasino ci provano in sequenza, ma difesa e portiere fanno muro, e anche quando al 38' Montanaro si vede fermare con un braccio alto il pallone colpito di testa, non succede nulla, con il Massafra bloccato dal direttore di gara che non interviene.
Al 90' Piccolo si ritrova faccia a faccia con Lovecchio: sarà la volta buona? Macchè. Invece di piazzarla sceglie la potenza e becca il portiere.
Non è tutto: contropiede del Terlizzi, Conteduca scappa via e sigilla il 3-0 contro un incolpevole Leone.
Per il Massafra è la seconda sconfitta in campionato. Giovedì c'è il Brindisi da affrontare per la qualificazione alle semifinali di coppa Italia, e dimenticare in fretta questa maledetta domenica sarà fondamentale.

USD TERLIZZI
Lovecchio, Blonda, Bonasia, Ricci, Rizzi, Sangirardi, De Francesco, Roselli (23’st Grasso), Manzari (15’st Conteduca), D’Ambrosio, Anaclerio (42’st Carella). A disp: D’Amato, Liso, Menolascina, Zingaro.

ACD MASSAFRA

Leone, Ricci, Luccarelli (19’st Speciale), Russo (19’st De Virgilio), Pascullo, Zaccaro, Palmisano (17’st Ferrara), Montecasino, Montanaro, Candita, Piccolo. A disp: Cantore, Nazaro, Morelli, Forte.

Asd Copertino - Atletico Corato 1-1

30 novembre 2008
di Salvatore Vernice

Terzo risultato positivo per il Corato che torna ancora una volta dal Salento imbattuto e, come successe contro il Nardò, anche con molte recriminazioni per aver tenuto una condotta di gioco che, in alcuni momenti, ha fatto rivedere il Corato dello scorso anno.
Prima di passare alla cronaca, bisogna sottolineare come per il secondo anno consecutivo, la panchina del Corato è stata più volte bersagliata da pietre e oggetti, al 9' della ripresa una di queste ha colpito l'allenatore del Corato, Michele Lotito (foto: Francesco Roselli), che è andato a terra e la gara è stata sospesa per alcuni minuti, poi per fortuna l'allenatore si è rialzato e ha potuto riprendere il suo posto in panchina.
Il Corato è privo di Pace e Abbrescia, per squalifica, e inserisce a sorpresa a centrocampo Jacobone e in attacco Martinelli, per entrambi una prova positiva.
In porta Camporeale sostituisce all'ultimo momento Di Vincenzo che si infortuna durante il riscaldamento.
Il Corato chiude con ordine in difesa mentre in attacco Leonetti e' la punta di riferimento creando non pochi problemi alla retroguardia copertinese.
Il vantaggio dei padroni di casa arriva al 20' con un tiro da fuori area di Quaresimale che sorprende Camporeale e si infila nell'angolo basso.
A differenza di altre gare, la risposta del Corato non si fa attendere e dopo un'incursione di Jacobone fermato dal portiere in uscita, al 23' arriva l'atterramento in area di Leonetti. E' rigore che lo stesso capitano realizza.
Il Corato chiude sempre bene e con delle veloci ripartenze tiene sempre in apprensione il Copertino che solo al 41' dalla distanza ci prova con il solito Quaresimale, ma questa volta Camporeale blocca in due tempi.
La ripresa inizia con gli stessi ritmi del primo tempo e dopo l'episodio di Lotito, la gara si innervosisce.
Frisenda al 15' cerca di colpire Jacobone che nel susseguirsi dell'azione contrasta con veemenza ma senza colpire l'avversario.
Per l'arbitro, il tarantino Laudato, la “cattiveria teorica” basta e avanza per mostrare il cartellino rosso a Jacobone.
Il Corato resta in 10, ma nessuno sembra accorgersene perché è sempre il Corato a fare gioco e l'innesto del giovane Asselti, contribuisce a dare velocità alla squadra neroverde.
Il Copertino inizia a calare fisicamente e i suoi tentativi sono solo tesi a lanciare palloni in area sperando in aiuti dal “cielo” che non arrivano.
Al 42' Musti approfitta di uno scivolone del suo avversario e, dal limite, fa partire un tiro che sfiora il palo alla sinistra del portiere.
Leonetti, da solo, crea scompigli alla difesa di casa e una sua incursione in area viene fermata da una manata di Carrino, Leonetti cade non protesta ma viene ammonito per la seconda volta e torna anzitempo negli spogliatoi.
Nonostante in 9 uomini a otto minuti dalla fine, la migliore occasione per passare in vantaggio è del Corato.
Asselti ruba palla, supera la linea mediana e, invece di continuare la sua corsa verso una porta sguarnita, tenta di beffare da 45 metri il portiere che ha tutto il tempo per recuperare.
Alla fine arriva un pareggio utile ma che consegna alla sfida di domenica, contro la capolista Liberty Bari, un Corato privo degli squalificati Leonetti, Pace e Jacobone.

Nardo' Calcio - Lucera Calcio 0-0

30 novembre 2008
di Antonio Obbiettivo

Il Nardò fa quel che può in una partita caratterizzata dal fortissimo vento, da una espulsione comminata a De Benedictis dopo appena 12 minuti di gioco e da un infortunio occorso al difensore Buono al ventesimo del primo tempo.
I granata si sono presentati sul neutro di Trepuzzi (foto: Nardocalcio.it), concentrati e motivati, decisi a raccogliere l’intera posta in palio, ma per come si erano messe le cose in campo, il punto conquistato oggi può ritenersi soddisfacente e ampiamente meritato.
Dopo appena quattro minuti di gioco, un calcio piazzato di capitan Tartaglia coglie impreparato un difensore del Lucera, traiettoria che favorisce De Benedictis, l’attaccante granata però non è lesto a depositare in rete e si fa ipnotizzare da Curci, sveglio a respingere sulla linea.
Al 12° lo stesso De Benedictis si fa sventolare in faccia il cartellino rosso dal sig. Sodano, l’episodio è dubbio, ma a quanto pare l’arbitro l’avrebbe visto scalciare a palla lontana il diretto marcatore. Nardò in dieci uomini per tutta la gara.
Ancora una preoccupazione per la panchina granata, stavolta è Buono a chiedere il cambio, un guaio muscolare lo fa arrendere, entra Collaro e si comporta benissimo per tutta la gara.
Il Lucera capisce che il Nardò è in difficoltà e prova a forzare, ma la difesa granata tiene alla grande, anche con un po’ di fortuna, quando Cannarozzi e Salinno diventano pericolosissimi.
Nel secondo tempo il Nardò ha una occasione incredibile con Elia, che non riesce a depositare in rete dopo una discesa solitaria, Curci gli sbarra la strada con il corpo.
Il Nardò gioca bene sulle ripartenze e sui piedi di De Padova capita un'altra occasionissima, ma anche questa volta dopo aver superato il diretto avversario ed il portiere Curci il pallone si spegne sul fondo dopo aver attraversato tutto lo specchio della porta ed aver fatto la barba al palo.
Il Lucera a questo punto cresce con il passare dei minuti e man mano guadagna metri, complice la stanchezza accumulata dai granata con l’uomo in meno.
Prima Da Bellonio da circa trenta metri colpisce il palo, poi Abbrescia spara di pochissimo a lato un tiro-bomba, che termina di poco a lato.
Nel finale raggiunge anzitempo gli spogliatoi anche De Stasio, dopo aver commesso l’ennesimo fallaccio, questa volta a danno del neo entrato De Mitri.

NARDO' CALCIO
Di Marco, Mastria, Bono (21' Collaro), Polo, Citto, Esposito, Elia (71' De Mitri), De Padova (71' Striano), Patera, Tartaglia, De Benedictis. A disp: Adamo, Montefusco, Ingrosso, Volturno.

LUCERA CALCIO
Curci, Piazzolla (59' Cardone A.), Rizzi, Abbrescia, Palumbo, Vacca, Pellegrino (70' Scarano), Da Bellonio, Cannarozzi, Salinno, De Stasio. A disp: Giacobbe, Cardone O., Mascia, Raffaello, Zoila.

Real Altamura - As Bisceglie 2-2

30 novembre 2008
da Bisceglielive.it

Non basta al Bisceglie Calcio una prova tenace per 35' per avere la meglio sul Real Altamura (nella foto di Forzabisceglie.it: un' immagine della gara).
Nella sfida, valevole per il penultimo turno del girone d'andata, erano in palio tre punti pesanti nell'economia del campionato di entrambe le compagini. Finisce senza vincitori nè vinti con la squadra di Notariale che deve rimandare ancora una volta l'appuntamento con la vittoria.
L'inizio di gara è come accennato di chiara marca biscegliese: al 5' arriva la prima rete dell'incontro, a siglarla Daniele Medico (primo centro in campionato con la maglia nerazzurra) che capitalizza un perfetto cross di Santoli e porta in vantaggio il Bisceglie.
Sono gli ospiti ad avere la meglio sui biancorossi locali che faticano e non poco per arginare l'iniziativa nerazzurra.
Al 28' giunge meritato il raddoppio che si sviuppa sull'asse Balducci-Porcelluzzi-Medico, con la complicità della disattenta difesa altamurana, con quest'ultimo abile in diagonale a trafiggere sul secondo palo Portoghese.
Il doppio vantaggio rilassa oltremodo gli ospiti che sul finire di frazione perdono di vista il sudamericano Valdez che accorcia le distanze e manda la sua squadra negli spogliatoi sotto di una rete.
Nella ripresa sono evidenti i benefici del goal murgiano giunto a termine della prima frazione: il Real avanza il proprio baricentro grazie anche agli innesti di Tranfa e Loiudice.
L'inerzia della gara passa nei piedi dei giocatori di Denora che esercitano un chiaro predominio territoriale.
Al 25' però il Real rimane in dieci per l'affrettata espulsione dell'attaccante Bellante.
Sembrerebbe fatta per il Bisceglie ed invece la beffa giunge a 4' dall'epilogo quando il direttore di gara Doronzo di Barletta assegna un più che generoso rigore ai padroni di casa per un fugace contatto in area tra Schirone e Tranfa.
Dal dischetto è proprio Tranfa a battere Cagnazzo e inchiodare il punteggio finale sul 2-2.

As Bisceglie: Si dimette l'intera dirigenza neroblu

30 novembre 2008
Comunicato Stampa As Bisceglie


L’A.S. Biscegie Calcio 1913 attraverso il consiglio direttivo capeggiata dai fratelli Leonardo ed Enzo Pedone e da Ennio Padalino e Roberto Storelli (nella foto), comunica la propria rabbia e delusione per il clamoroso torto arbitrale subito quest’oggi ad Altamura, che ha consentito alla squadra di casa di ottenere il pareggio attraverso un calcio di rigore concesso nei minuti finali.
Il penalty, apice di una direzione apparsa mediocre per tutto l’arco dell’incontro, rappresenta l’ennesimo episodio sfavorevole subito dalla nostra squadra nell’arco di queste prime 16 gare di campionato.
Il protrarsi di tali errori, iniziati dalla seconda gara del torneo contro l’Ostuni e proseguiti fino alla gara odierna, non possono lasciare indifferenti e immuni chi fino ad oggi ha investito tempo e denaro in questa società e in questo sport.
Dopo aver accettato di continuare nell’impegno calcistico nonostante la pesante squalifica del campo inflitta dagli organi preposti per gli episodi del dopo Bisceglie-Trapani della scorsa stagione, si è avuto modo di constatare durante questa prima parte del torneo come la nostra squadra continui a subire di domenica in domenica errori e clamorose sviste incisive ai fini del risultato finale.
Pur avendo sempre creduto nella buona fede arbitrale, come dimostra il sempre corretto e pacato comportamento da parte di tutti i nostri tesserati al termine e durante le gare stagionali, prendiamo atto di come nessuno degli enti preposti si adoperi affinché questo continuo accanimento abbia termine.
Preso atto di ciò, l’intero consiglio direttivo dell’A.S. Bisceglie Calcio 1913, stanco di dover subire torti da parte di terne arbitrali prevenute, rassegna le proprie irrevocabili dimissioni dalla guida della società.
Precisando che la squadra continuerà a scendere regolarmente in campo e che tutte le spettanze economiche saranno garantite fino al termine della stagione agonistica, si impone a tutti i tesserati del club il silenzio stampa fino al termine del campionato.

Virtus Casarano - Ucd Japigia 4-0

30 novembre 2008
di Ivan Lupo

Continua la marcia della Virtus Casarano in testa alla classifica del torneo di Eccellenza pugliese.
La bella e rotonda vittoria odierna (4-0) con lo Japigia di mister Sportelli delinea, infatti, un ulteriore passo in avanti dei rossoazzurri che si confermano sempre piu’ miglior difesa del torneo (con soli 7 gol al passivo) e secondo miglior attacco (29 gol).
Prosegue l’imbattibilita’ dell’estremo difensore Alessandro Leopizzi giunta ad oltre 540 minuti, mentre Alberto Villa, autore anche oggi di una doppietta, si conferma capocannoniere solitario del campionato con 12 marcature all’attivo. Note positive giungono da tutti i reparti: la difesa ha retto benissimo l’assenza per squalifica di capitan Calabro e le prestazioni di De Icco, Niccolini e dei due terzini Fazio e Palma sono state impeccabili; a centrocampo la solita generosissima gara di Marchi, Rosciglione, D’Anna (al rientro dopo l’infortunio) e Bonaffini (capitano per un giorno ed autore del gol del 2-0) ha permesso di arginare al meglio le rare trame offensive; in attacco, come detto, oltre alla doppietta di Villa, gioia anche per Sanguinetti autore del definitivo 4-0.
L’ingresso delle squadre in campo, impegnate assieme alla terna arbitrale nel sostegno al progetto di solidarieta’ “Cuore Amico” (foto in alto: Carmen Panico) , viene salutato dall’applauso dei circa 3000 spettatori presenti.
Fischio d’inizio del sig. Di Ruberto di Nocera e Casarano subito in attacco con un pregevole scambio Sanguinetti – D’Anna il cui cross al centro e’ preda della retroguardia barese. Tra il 3’ ed il 4’ minuto due corner per i padroni di casa, ma nulla di fatto in entrambi i casi.
Al 7’ Villa, ben lanciato in profondita’, viene atterrato dal portiere ospite Leleuso, ultimo uomo, al suo ingresso in area. Per il sig. Di Ruberto, semplice fallo dal limite e cartellino giallo a Leleuso. La susseguente punizione viene deviata in corner dalla barriera.
Al 10’ si intravede lo Japigia con Amoruso che effettua un bel cross in area sul quale e’ attento De Icco a svettare ed allontanare il pericolo.
Occasionissima per il Casarano al 16’ con Sanguinetti che riceve palla dal fallo laterale, entra in area ma si vede respingere la conclusione a botta sicura dall’attento Leleuso. Quattro minuti dopo l’attaccante italo-cileno ci riprova di testa, su servizio di Villa, con la sfera che termina sul fondo.
L’assedio alla porta biancoverde e’ costante ed al 31’ trova il giusto premio: palla per Villa che, in area, viene contrastato irregolarmente da Faccitondo; l’arbitro decreta il rigore ottimamente trasformato dallo stesso Villa per l’1-0.
Lo Japigia prova a reagire, ma una buona azione al 35’ in contropiede viene vanificata dal fuorigioco di Cisternino, pericolosamente appostato sulla linea di difesa.
Scampato il pericolo il Casarano riparte all’attacco e solo la sfortuna impedisce al 38’ a Bonaffini di insaccare da oltre trenta metri un bel tiro che lambisce la traversa. Il centravanti rossoazzurro, pero’, si rifa’ tre minuti dopo concludendo al volo sul preciso servizio di Villa e siglando il gol del 2-0.
La Virtus potrebbe addirittura triplicare prima del riposo, ma questa volta e’ il palo a fermare il colpo di testa dell’accorrente Niccolini. Dopo un minuto di recupero le squadre rientrano negli spogliatoi.
La ripresa vede rientrare gli stessi ventidue in campo, ma al 5’ lo Japigia resta in inferiorita’ numerica per l’espulsione dell’under di difesa De Denno, reo di un fallo in area da ultimo uomo sull’onnipresente Villa. Il fallo costa ai baresi il secondo rigore contro ed anche questa volta la trasformazione di Villa e’ impeccabile.
Mister Bianchetti decide che e’ giunto il momento di far rifiatare qualcuno dei suoi ed inserisce Rocco al 7’ e Mosti al 16’ al posto di Rosciglione e D’Anna. La mossa tattica, apparentemente di copertura, da’ invece nuova linfa agli attacchi rossoazzurri.
Al 18’ Sanguinetti di testa sfiora ancora il legno alla destra di Leleuso, mentre al 20’ un gran tiro di Palma viene respinto di piede dal bersagliatissimo estremo difensore ospite.
Mister Sportelli prova a ridisegnare il centrocampo inserendo Dammacco e Daddario per Tateo e Mastrolonardo. Al 23’ la timida reazione ospite si concretizza in una palombella di Cisternino alta sulla traversa. Alla mezz’ora fa il suo ingresso in campo anche il neo acquisto japigino Fama che rileva Amoruso, mentre qualche minuto prima mister Bianchetti aveva richiamato in panchina Marchi inserendo Cimino.
Dopo un velleitario tentativo su punizione di De Palma (39’) ben controllato da Leopizzi, al 42’ la Virtus trova il gol del definitivo 4-0: Sanguinetti, imbeccato dal pallonetto di Bonaffini, stoppa la sfera, dribbla il diretto marcatore e con un sinistro chirurgico insacca alle spalle dell’incolpevole Leleuso (foto a destra: Carmen Panico). Al 44’ Villa potrebbe portare addirittura a 5 le marcature, ma il tiro a distanza ravvicinata dell’attaccante e’ intercettato ancora dal portiere biancoverde. La gara termina qui ed anche il sig. Di Ruberto decide di non decretare alcun minuto di recupero. I rossoazzurri, sempre piu’ convincenti, inanellano la settima vittoria consecutiva e vanno a prendere il meritato abbraccio della Curva Nord.

VIRTUS CASARANO
Leopizzi, Fazio, Palma, Marchi (71' Cimino), Niccolini, De Icco, Sanguinetti, Rosciglione (52' Rocco), Villa, Bonaffini, D'Anna (61' Mosti). A disp: Trombetta, Rollo, Presicce, Aragao.

UCD JAPIGIA
Leleuso, De Denno, De Palma, Faccitondo, Viola, Gagliardi, Mastrolonardo (66' Daddario), Tateo (59' Dammacco), Cisternino, Zizzariello, Amoruso (76' Fama). A disp: Damiani, Midio, Monacelli, Grandolfo.

Atletico Tricase - Asd Castellana 1-1

30 novembre 2008
di Leandro Di Muro

Il Tricase esce ancora dal campo con il rammarico di aver avuto la possibilità di raggiungere il bottino pieno e di non averlo ottenuto.
Va detto tuttavia che quella a disposizione di Mister Ruberto è stata anche in questa domenica una formazione in piena emergenza, con una difesa (punto di forza della squadra) tutta da inventare, viste le assenze di Della Bona, D'Ignazio, Potì e Moretto.
Il Castellana di Mister De Luca, è inoltre arrivato a Tricase con l'ambizione di ottenere un buon risultato, forte anche dell'innesto effettuato in settimana con l'acquisto di Colacicco.
I rossoblù partono subito in avanti ed all' 8° si creano la prima palla gol con Ruberto (foto: asdtricasecalcio.it) che resiste alla carica di un paio di avversari e si incunea in area, dove viene fermato fallosamente da Sigrisi.
Il Sig. Di Bello vede comunque il fallo del n° 2 barese come una continuazione della scorrettezza già commessa dai compagni ed assegna al Tricase una punizione dal limite, che Carlà spara direttamente sulla barriera.
Al 12° azione del Castellana sulla sinistra da parte di Tonzi, che crossa per Colacicco, il cui tiro viene fermato dal portiere Guido in uscita.
Al 26° tiro-cross dalla destra da parte di Garofalo, bloccato in sicurezza da Guido.
Al 33° arriva come una doccia fredda il vantaggio del Castellana, con Salvati lasciato colpevolmente libero di colpire di testa all'interno dell'area piccola su cross di Garofalo.
La reazione del Tricase non si fa comunque attendere ed al 38°, su punizione di Carlà da una trentina di metri, Fumarola devia di testa e Gemmati è abilissimo a parare in tuffo.
L'ultima parte del primo tempo è tutta di marca rossoblù con al 44° una punizione di Iovino deviata in angolo con non poche difficoltà da Gemmati e, sugli sviluppi dell'angolo stesso, Fumarola che gira di testa verso la porta e con la traversa salva i baresi.
L'inizio del secondo tempo è particolarmente cauto da parte delle due formazioni e la prima occasione arriva al 62° su punizione dal limite da parte di Iovino, con palla che sfiora la traversa.
Al 21° Fumarola, partito in contropiede, si procura un risentimento muscolare che lo obbliga alla richiesta della sostituzione. Al suo posto entra Moreno, che dopo nemmeno un minuto suggerisce a Ruberto la marcatura del pareggio. E' infatti il 67° quando, spalle alla porta, Moreno appoggia dietro per Ruberto il quale, con un sinistro al volo, trafigge l'incolpevole Gemmati.
Il finale di gara è tutto appannaggio del Tricase il quale, al 79° si vede in superiorità numerica per l'espulsione di Laporta (seconda ammonizione per fallo di reazione da terra su Gigante). All'85° Ruberto sfiora la doppietta personale con un colpo di testa che finisce sul fondo rasente al palo alla sinistra di Gemmati.
Al 90° c'è tempo per la seconda espulsione per il Castellana, con Bernè che si becca la seconda ammonizione per fallo insistito su Carlà.
Esce comunque soddisfatto il Tricase, con il morale tutto sommato alto per il conseguimento del sesto risultato utile consecutivo (2 vittorie e 4 pareggi) e con una ritrovata serenità per l'ingresso in società del nuovo Vice-Presidente Massimo Tamborrini, il quale dichiara che l'equipe salentina si metterà da subito sul mercato con l'intenzione di rinforzare il reparto di centrocampo e, soprattutto, il reparto offensivo.

ATLETICO TRICASE
Guido, Esposito, Scazzi, Sanapo, Greco, De Filippi, Stefanelli (75' Gigante), Carlà, Fumarola (66' Moreno), Iovino, Ruberto (87' Brigante).

ASD CASTELLANA
Gemmati, Sigrisi, Mastellone, Bernè, Sportelli, Maggipinto, Colacicco, Laporta, Salvati (80' Pascalicchio), Tonzi, Garofalo (86' Lopriore).

Atletico Tricase: Nuova linfa imprenditoriale in societa'

29 novembre 2008
di Leandro Di Muro

E' oramai ufficiale e di pubblico dominio l'interessamento di una nuova forza imprenditoriale nello staff dirigenziale della società tricasina.
Massimo Tamborrini (foto: Asdtricasecalcio.it), imprenditore salentino titolare di una ditta pubblicitaria, dopo esser stato contattato dal Presidente Dell'Abate e dal D.S. Zocco, non si è lasciato sfuggire questa opportunità che già da tempo, comunque, covava dentro di sè.
Intervistato, dichiara infatti che ha sempre desiderato entrare a far parte del team tricasino in quanto appassionato di calcio ed ex giocatore nonchè, in passato, già impegnato in squadre di 1.a categoria ed amatoriali. La volontà da parte di Tamborrini di collaborare con Dell'Abate e Zocco è alimentata anche dall'umiltà con la quale queste persone si prodigano vorticosamente per far sì che il calcio a Tricase non abbia nuovamente a sparire.
Ritiene inoltre questa Sua iniziativa uno schiaffo morale verso tutti quegli imprenditori che hanno respinto ogni richiesta avanzata dalla società rossoblu.
E' per questo che ha deciso di impegnarsi per il Tricase Calcio, sanando già parzialmente il gap economico che in questo periodo si era venuto a creare e promettendo al Presidente Dell'Abate il suo pieno sostegno, per far sì che la società possa concludere tranquillamente la stagione in corso ed, armato di buoni propositi, non disdegna per gli anni a venire di ottenere traguardi che negli ultimi tempi sembravano solo dei miraggi.

Boys B. Calcio - Victoria Locorotondo 1-2

29 novembre 2008
di Ferdinando Garramone

LA NUOVA CLASSIFICA

Il Brindisi Calcio esce sconfitto per 2-1 dal confronto con il Locorotondo al termine dell'anticipo della 16° Giornata di Andata del campionato di Eccellenza disputatosi sul "neutro" di Francavilla Fontana.
L'undici di Mr. Gori (nella foto), privo in attacco degli squalificati Greco e Massaro e dell'infortunato Carbone, ha tenuto bene il campo nel primo tempo, subendo nei minuti di recupero e su punizione la rete del capitano rossoblu De Tommaso che ha chiuso la prima frazone di gioco sull'1-0 per gli ospiti.
Nella ripresa il Brindisi ha provato a riequilibrare il punteggio, ma al 25' Pinca ha commesso un intervento falloso in area che gli è valso l'espulsione e che ha provocato il rigore realizzato sempre da De Tommaso per il raddoppio del Locorotondo.
La reazione dei biancoazzurri si è concretizzata al 36', quando Frascaro, ancora una volta dal dischetto degli 11 metri, ha segnato ed ha fissato il risultato sul definitivo 2-1, dato che nel finale di partita il generoso forcing dei Boys non ha sortito alcun esito, sicchè il Brindisi è rimasto fermo a quota 16, ai margini della zona play-out, mentre il Locorotondo è salito a quota 23, in attesa degli altri risultati.

BOYS B. CALCIO
Laguardia, Edjekpan, Pinca, Giordano, Fraticelli, Vatalaro, Frascaro, Amadu, Ermito, Disantantonio, Scozia. A disp: Minelli, Borghese, Di Nota, Lopetuso, Lonoce, Allegrini, Carteni.

VICTORIA LOCOROTONDO
Maggi, Lisi, De Blasio, Monticelli, Campanella, Baldassarre, Serri, Cassano, Beltrame, De Tommaso, Maurelli. A disp: Petruzzelli, Convertini, Diamante, Colucci, Luciani, Paparella, Di Bari.

Asd Copertino: Arriva il Corato. C'e' un "conto" in sospeso.

29 novembre 2008
di Antonio Calo'

Domenica prossima, a Copertino, sara' di scena il Corato ed Andrea De Benedictis e compagni avranno l'occasione di "saldare" un vecchio conto.
Nella passata stagione, infatti, i prossimi rivali del team allenato da Giuseppe Mosca (foto: Antonino Campanelli) hanno vinto sia la partita di andata, disputata nel Salento, che quella di ritorno, giocata in casa.
Al club diretto da Maurizio Fanuli, tra l'altro, quell'ultimo stop costo' la mancata qualificazione ai playoff.
"Nell'annata agonistica 2007/2008, purtroppo, le sfide contro il Corato sono terminate entrambe nel peggiore dei modi - dice la punta Giuseppe Frisenda - Soprattutto la sconfitta accusata nell'ultimo turno del campionato si e' rivelata dolorosa, i nquanto ha decretato in via definitiva la nostra esclusione dai playoff dopo un torneo nel quale siamo stati sempre nei primi cinque posti".
"Per quanto concerne il prossimo incontro, pero', non abbiamo vendette da consumare - aggiunge Giuseppe Frisenda - Piuttosto vogliamo, con tutte le nostre forze, intascare i tre punti in palio per prolungare il momento favorevole che ci vede reduci da tre vittorie consecutive".

Virtus Casarano: Con lo Japigia una ghiotta occasione

29 novembre 2008
di Giuseppe Cavalera

Sei vittorie consecutive, la difesa meno perforata del torneo, Villa capocannoniere con 10 centri, Leopizzi imbattuto da oltre 450 minuti. Sono questi i numeri di un Casarano che si presentera' al cospetto dei suoi tifosi domani pomeriggio alle 14.30 nella gara che lo vedra' impegnato col vice fanalino di coda Japigia. Un turno agevole, almeno sulla carta. Un testa coda interessante che potrebbe prolungare ulteriormente i vari record stagionali della truppa di Bianchetti. Assenza importante pero' nell'undici virtussino: manchera' infatti per squalifica il capitano Antonio Calabro, perno della difesa, appiedato per un turno dal Giudice sportivo; in odore di chiamata, al suo posto, sembra esserci il jolly difensivo Davide De Icco vittima in settimana di un risentimento muscolare, ma quasi del tutto recuperato.
Rientreranno quasi sicuramente nell'undici titolare Alessandro Bonaffini e Simone D'Anna (nella foto in alto con mister Bianchetti), entrambi assenti domenica scorsa per squalifica. Probabili dal primo minuto anche Luca Rosciglione, Ruben Marchi ed il brasiliano Aragao a supporto del neo capocannoniere Villa. Difesa blindata con Leopizzi tra i pali e, da destra a sinistra, Palma, il sopracitato De Icco, Niccolini e Fazio.
Discorso un po' piu' complicato per lo Japigia che, in preda ad una crisi societaria, sta perdendo strada facendo quasi tutti i suoi atleti piu' rappresentativi. Partenze gia' avvenute, infatti, per Francesco Tenzone (al lavoro a Castellana), Zagaria (dato per certo al Terlizzi), Chiodo, Indrago e l'interessante under Trifone Iacobellis. Scelte alquanto ridotte, quindi, per mister Sportelli.
Uniche note positive per l'allenatore biancoverde il rientro dalle rispettive squalifiche di Valeriano Loseto e del capitano Agostino Piperis (alle prese, pero', con un acciacco). Sicura anche la presenza di Giulio Mastrolonardo, metronomo di centrocampo (dato anch'egli sul piede di partenza).
Ghiotta occasione, dunque, per il Casarano per provare a scrollarsi di dosso, almeno per sette giorni, il Liberty impegnato in un turno casalingo tutt'altro che agevole contro il forte Sogliano di mister Cudazzo. L'ambiente rossoazzurro sembra conscio dell'occasione propizia e sta preparando al meglio la gara del Capozza e, forse, sotto sotto, spera in un'affermazione dei cugini rossoneri in terra di Bari. Di contro ci sara' la fame assoluta di punti dei ragazzi di mister Sportelli che, sicuramente, venderanno cara la pelle. Il verdetto, ovviamente, e' affidato al campo. A dirigere l'incontro e' stato designato il sig. Di Ruberto della sezione di Nocera.

Asd Castellana: Beppe Colacicco, tesserato e disponibile

29 novembre 2008
di Mario Maselli

E' arrivato dalla Spagna il tanto sospirato transfert di Giuseppe Beppe Colacicco (nella foto a lato), centrocampista 27enne proveniente dall'AD Parla, squadra della terza divisione spagnola.
Ed e' arrivato assieme ad un'altra buona notizia: il calciatore potra' essere schierato nel gruppo di mister De Luca sin dalla prossima gara contro l'Atletico Tricase in programma domani.
Notizia che potrebbe dunque valere una quasi sicurezza; il centrocampista era gia' da un po' aggregato alla squadra delle grotte e dunque ha avuto modo di assimilare in parte gli schemi dei nerostellati.
Colacicco approda in Eccellenza dopo diverse esperienze tra serie C e serie D; nella sua carriera anche Avellino (C1), Novese (C2), Sestrese (D), Savona (D), Sant'Anastasia (C2), Noicattaro (D), Forte dei Marmi (D) e Figline (D).
Un motivo di interesse in piu' per una gara che gia' promette battaglia.

Real Altamura - As Bisceglie: Derby della Murgia senza Di Pinto

29 novembre 2008
di Emanuele Galantino
La 16.a giornata del torneo di Eccellenza Pugliese offre ai calciofili l'interessantissimo derby della murgia tra Real Altamura e Bisceglie.
Quello che si terrà domenica sarà un match duro in cui entrambe le compagini vorranno arrivare ai 3 punti: i realini per continuare la recente striscia positiva che li ha portati fuori dalla zona playout, il Bisceglie per tornare alla vittoria dopo 8 turni di astinenza che hanno aperto una minicrisi all'interno del clan neroazzurrostellato.
Capitolo formazioni: mister Denora (subentrato in corso a Francesco Tudisco) manderà in campo una formazione accorta che fa della velocità, delle ripartenze e del contropiede le sue armi migliori. Il Real scenderà in campo con Matarrese, Proscia, Caputo, Martimucci, Soto (nella foto in alto), Di Benedetto, Valdez, Vicenti, Bellante, Righetti e De Febbo. A trascinare i biancorossi di casa ci sarà l'esperienza di capitan Di Benedetto e degli stranieri Soto, Valdez e Righetti i quali daranno qualità al gioco realino.
Dall'altra parte gli uomini di Notariale sono chiamati ad una prova d'orgoglio pur dovendo fare a meno dell'autentico trascinatore di questa prima parte di stagione, capitan Amedeo Di Pinto (foto a destra: forzabisceglie.it) appiedato dal Giudice Sportivo. I biscegliesi scenderanno in campo con Cagnazzo tra i pali, Santoli, Lasalandra, Di Donna e Schirone (rientrante dalla squalifica) in difesa, Moreo, Malerba e Lestingi a centrocampo, infine ci sarà il tridente formato da Balducci, Medico e Porcelluzzi. Da verificare le condizioni di De Toma e Mazzone, ancora acciaccati. Probabile partenza dalla panchina per il funanbolico Mattia Pasculli e per l'under Frappampina.
L'augurio è quello di assistere ad una gara piacevole; non resta che fissare l'appuntamento a Domenica 30 Novembre ore 14.30 allo Stadio D'Angelo di Altamura, in scena andrà Real Altamura-Bisceglie.

Nardo' Calcio: Arriva il Lucera, serve il miglior Nardo'

28 novembre 2008
di Antonio Obbiettivo

Arriva il Lucera di mister Di Stefano e di bomber Cannarozzi, la sfida contro i foggiani si disputerà sul neutro di Trepuzzi e a porte chiuse, per la decisione del Giudice Sportivo di squalificare il Giovanni Paolo II di Nardò per una giornata di campionato. Uno svantaggio notevole per i granata di mister Longo (foto: nardocalcio.it), che non potranno contare sull’apporto del proprio pubblico, in questa delicata sfida.
Ai granata serve la vittoria, bisogna dare uno slancio importante alle chance salvezza contro una delle squadre più insidiose del campionato, insomma, contro Cannarozzi & company servirà il miglior Nardò.
I biancoazzurri foggiani, presieduti dal patron Pitta sono, ormai da un po’ di anni, una formazione importante del panorama dilettantistico regionale, si tratta di una società sana che negli ultimi anni ha puntato soprattutto sulla crescita dei talenti locali. Proprio per questo motivo, siede sulla panchina dauna un tecnico giovane e preparato, si tratta di mister Di Stefano, arrivato a Lucera dopo gli ottimi risultati conseguiti all’Atletico Bovino. Il trainer lucerino fa giocare la sua squadra con un modulo di base impostato sul 4-3-3, all’occorrenza però riesce a creare il classico 4-4-2 grazie alla duttilità dei suoi uomini.
Contro i granata, mister Di Stefano potrebbe schierare l’esperto Curci tra i pali, in difesa probabilmente scenderà in campo con Cardone a destra, Rizzi a sinistra, Palumbo e Vacca difensori centrali, a centrocampo la coppia centrale Abbrescia e Raffaello. Gli esterni De Stasio e Barisciani a supportare i pericolosissimi Salinno e Cannarozzi. In panchina dovrebbero prendere posto: Giacobbe, Mascia, Piazzolla, Scarano, Lambiase,Trotta, Pellegrino, Zoila.

Usd Terlizzi: Col Massafra a caccia del poker stagionale

28 novembre 2008
da Usdterlizzicalcio.it

Sei risultati utili consecutivi, la miglior serie positiva del Terlizzi dall'inizio del campionato. Una serie che ha permesso ai Caricola boys di risalire in classifica, lasciando quasi la zona-pericolo.
Naturalmente non bisogna fermarsi: con il Massafra si andrà a caccia della quarta vittoria, la seconda di fila dopo il blitz in casa Japigia.
Il primo dei due gol sul sintetico del San Paolo lo ha firmato Nicola Roselli (nella foto in alto), al primo centro stagionale, uno dei rinforzi in corsa assicurati dal ds Frascati. Un gran bel gol, un diagonale sinistro da fuori area.
Lo aspettavo da nove giornate – dice il mancino 32enne di Carbonara – e sono contentissimo. La squadra ha trovato un suo assetto e sono certo che presto ci tireremo fuori da questa situazione”.
Roselli pensa positivo: “Non voglio essere presuntuoso, ma credo che con qualche ritocco il nostro organico sia da quinto posto”.
E un ritocco è arrivato: da questa settimana si sta allenando con i nuovi compagni, Antonio Zagaria, attaccante di peso di Barletta, nella passata stagione a Nardò e all'inizio dell'attuale con la Japigia, dalla quale si è svincolato da un paio di settimane. Sarà disponibile da domenica 7, quando il Terlizzi sarà di scena a Castellana, nel primo di due scontri-salvezza consecutivi in trasferta (l'altro a Tricase).
Ma ora si pensa al Massafra, squadra scorbutica che vince poco (solo 4 volte), ma perde ancora meno (appena una sconfitta), abbonata ai pareggi (dieci in 15 gare).
Come tutte le formazioni di Pettinicchio – dice Roselli è molto ben organizzata sul piano tattico e concede poco. Ma noi dobbiamo fare nostra la partita”. Per un giocatore che arriva, uno che va via: l'esperto difendore Landi non fa più parte della rosa.
Mister Caricola dovrebbe confermare lo stesso undici di domenica, perdurando l'indisponibilità di Clementini e Ronzullo. Tra gli jonici, fuori per squalifica l'under Ciaurro.
L'incontro (ore 14,30) sarà arbitrato da Meleti di Lecce.

Asd Liberty: Contro il Sogliano squadra quasi al completo

28 novembre 2008
da Libertycalcio.com

Archiviata la netta vittoria sul campo del Putignano, domenica fa visita al Liberty una delle squadre rivelazione di questo girone d’andata, lo Stefanizzi Sogliano.
La formazione leccese, matricola del campionato d’Eccellenza, è terza in classifica a 26 punti e, insieme al Copertino e all’Ostuni, forma un terzetto staccato di 9 lunghezze dalla coppia di testa Liberty-Casarano. Il Sogliano è reduce da una pesante sconfitta interna per 1-2 proprio ad opera del Copertino mentre, in trasferta, in 7 partite disputate ha raccolto 9 punti, con 2 vittorie (a Corato e a Tricase), 2 sconfitte (a Brindisi e a Casarano) e 3 pareggi.
Mister Cudazzo, allenatore del Sogliano, dovrà fare a meno di Mortari, squalificato per una giornata dal Giudice sportivo, mentre, mister Catalano, a parte gli indisponibili Costantino (nella foto), Piarulli e Ragone, dovrebbe avere l’intera rosa a disposizione.
I numeri preannunciano una partita molto interessante, il miglior attacco del campionato, quello del Liberty, contro la terza miglior difesa. Vincere sarà importante per dare un ulteriore strattone alla classifica e allungare ancora sulle inseguitrici.
La partita sarà arbitrata dal signor Di Stefano di Brindisi.
A noi non resta che ricordare l’appuntamento a tifosi e appassionati a domenica prossima, 30 Novembre ore 14.30, allo “Stadio della Vittoria”. L’ingresso è gratuito.

Asd Castellana: A Tricase senza i nuovi acquisti

28 novembre 2008
di Mario Maselli

E' una settimana divisa tra due interessi, quella vissuta dall'Asd Castellana, formazione iscritta al torneo di Eccellenza Puglia. Da una parte i primi movimenti ufficiali di mercato, dall'altra la necessità di ottenere un risultato positivo dalla trasferta di Tricase valida per la 16esima giornata del campionato, scontro diretto per la salvezza (si gioca domenica 30 novembre alle ore 14.30).
Peppino e Pier Paolo Pellegrino, rispettivamente presidente e direttore sportivo del club nero-stellato, hanno chiuso la prima operazione in entrata della finestra di dicembre: si tratta del centrocampista barese Francesco Tenzone (nella foto con il DS Pellegrino durante la presentazione), classe 1981, proveniente dallo Japigia Bari.
Fantasista dal gol facile (già 3 reti in questa stagione), Tenzone ha vestito anche le maglie dell'As Bari, della Pro Inter e del Torino Fc (nei settori giovanili e nella primavera) e quelle di Martina (serie D), Noicattaro (per due anni e mezzo tra serie D ed Eccellenza), Trani (serie D), Capurso, Mola e Terlizzi (queste ultime tre in Promozione).
Manca solo il transfer dalla Spagna per l'ufficialità dell'ingaggio di Beppe Colacicco, attaccante esterno classe 1981, classe 1981. Castellanese di origine, talento del calcio locale, cresciuto nel florido settore giovanile dell'Esperia Monopoli, Colacicco non ha mai vestito la maglia dell'As Castellana. Proveniente dagli spagnoli dell'Ad Parla, ha giocato anche con Avellino (serie C1), Novese (serie C2), Sestrese (serie D), Savona (serie D), Sant'Anastasia (serie C2), Noicattaro (serie D), Forte dei Marmi (serie D), Figline (serie D).
Mi fa piacere che la società si stia esponendo così tanto per rinforzare l'organico - ha commentato mister Claudio De Luca - ma in questo momento dobbiamo concentrarci sulla gara contro l'Atletico Tricase. I nuovi acquisti saranno disponibili dalla gara con il Terlizzi, entrambi si allenano con noi ma al momento non posso schierarli. In questo momento, perciò, è più importante pensare allo scontro diretto di domenica. Nonostante la situazione, il nostro morale non cambia - ha concluso De Luca - Sappiamo dove migliorare, abbiamo una squadra giovane che deve crescere in fretta in un campionato tostissimo. Delle ultime due gare mi è piaciuta la reazione, è importante essere vivi per raggiungere il prima possibile la salvezza”.

Boys B. Calcio: Contro il Loco attacco spuntato

28 novembre 2008
di Ferdinando Garramone

Archiviata l'importante e sofferta vittoria di misura conseguita nel derby con l'Ostuni, il Brindisi Calcio (nella foto: il capitano Edjekepan) si rituffa nuovamente in pieno clima agonistico e si appresta ad affrontare il Locorotondo di Mr. Di Giovanni, in programma non al "Fanuzzi", dove domenica si giocherà l'importante sfida di vertice tra il Brindisi capolista di Mr. Silva e l'Ischia di Mr. Impagliazzo (quarta forza del torneo con 21 punti) per la 13° Giornata di Andata del Gir. H della Serie D, ma sul "neutro" in erba sintetica di Francavilla Fontana sabato (ore 14,30) in occasione dell'anticipo valido per la 16° Giornata di Andata del campionato di Eccellenza.
Vigilia intensa, all'insegna della concentrazione e della voglia di dare continuità al risultato positivo di domenica scorsa che ha interrotto un filotto di tre sconfitte consecutive che l'aveva pericolosamente avvicinata alla zona play-out, al momento sempre ad una lunghezza di distanza, per effetto anche dei risultati delle altre dirette concorrenti per la salvezza.
Seduta odierna, pertanto, dedicata alla consueta rifinitura del match con i rosso-blu baresi, preparato ancora una volta in pochissimo tempo, per via dell'autentico tour de force di questa incessante stagione agonistica.
Mr. Gori, per l'importante occasione, non ha a disposizione l'intero organico, essendo stati squalificati per una giornata gli attaccanti Tony Greco e Davide Massaro e dovendo fare ancora una volta i conti con la assenza forzata in avanti dell'interessante under Carbone (sulla via del graduale recupero dopo lo stiramento alla coscia, ndr.), sicchè, in definitiva, può affrontare l'impegno con l'undici rosso-blu con la solita grinta e voglia di far bene, nonostante la oggettiva difficoltà di schierare un attacco all'altezza della situazione e la consapevolezza di affrontare una delle squadre alla vigilia del torneo in teoria più accreditate per il salto di categoria, anche se attualmente in fase calante di rendimento, dopo un ottimo avvìo di campionato, a giudicare dagli ultimi risultati conseguiti, che l'hanno definitivamente allontanata dalla vetta.
Impresa non facile, comunque, per il Brindisi del Pres. Gioia, considerato anche il buon tasso tecnico di molti elementi in forza all'organico dei prossimi avversari (Maurelli e Serri in primis, ndr.). Il Locorotondo, dopo il successo esterno per 3-2 contro il Castellana dell'ultimo turno è salito a quota 20 in graduatoria (frutto di 5 vittorie, 5 pari e 5 sconfitte, per un totale di 24 reti fatte e di 26 reti subite, ndr.), spera, dal canto suo, di far valere il maggior tasso tecnico di cui dispone e, soprattutto, di riuscire ad approfittare delle importanti defezioni nell’organico brindisino per uscire imbattuta dalla trasferta del "Giovani Paolo II", sì da riprendere
il cammino verso i quartieri alti della classifica.

Juniores Puglia: Dell'Oglio va via. Ferrante nuovo CT

27 novembre 2008
da Figcpuglia.it

A seguito della rinuncia all’incarico di Antonio Dell’Oglio per scelta prettamente personale, si comunica che il nuovo Selezionatore Tecnico della rappresentativa juniores del Comitato regionale Puglia LND, è Lorenzo Ferrante.
Il Presidente Tisci e il Consiglio Direttivo, nella riunione del 26 novembre 2008, hanno ringraziato Dell’Oglio per l’impegno e l’ottimo lavoro svolto augurandogli le migliori fortune sportive.
Lorenzo Ferrante (nella foto a sinistra la stretta di mano con il presidente Vito Tisci nella sede del Comitato regionale in via Cairoli), classe 1959, ha un passato da calciatore di tutto rispetto avendo militato in diverse società professionistiche: Avellino, Lecce, Arezzo, Salernitana, Livorno e Bisceglie. La sua nomina è una scelta di continuità nel solco tracciato da Mazzarano e Dell’Oglio, un modello di professionalità in campo e fuori, un forte riferimento per le nostre giovani promesse. Per il suo esordio in una manifestazione ufficiale bisognerà attendere la prossima edizione del Torneo delle Regioni in programma in Abruzzo nel mese di aprile 2009.

CHI E' FERRANTE

Lorenzo Ferrante è nato a Bisceglie il 1° febbraio 1949. Ottima la sua carriera da calciatore, era una mezzala destra: inizia con la squadra della sua città, in Interregionale, disputando tre campionati. Quindi il grande salto, in serie A, ad Avellino. E' la stagione 1979-80, sulla panchina irpina c'è Rino Marchesi. Ferrante resta in biancoverde per due anni, poi si trasferisce a Lecce, in serie B, dove gioca per tre stagioni. Nella cadetteria del calcio nazionale veste anche la maglia dell'Arezzo. Successivamente rimane in Toscana, ma a Livorno, in C1 e poi scende al Sud, acquistato dalla Salernitana, sempre in C1. Quindi torna a Bisceglie dove, a 31 anni, chiude la carriera di calciatore, dopo aver disputato la C2 e comincia subito quella di allenatore nel settore giovanile. Vanta anche due esperienze da tecnico della prima squadra a Bisceglie, in Eccellenza, nelle stagioni 2003/04 (subentrato a Chiricallo) e 2006/07 (subentrato a Di Gennaro). E' stato anche osservatore dell'Udinese.

Stefan. Sogliano: Settimana di fuoco per l'undici rossonero

27 novembre 2008
di Antonio Calo'

Archiviata la sconfitta accusata nel derby casalingo disputato contro il Copertino, il Sogliano (foto: Antonino Campanelli) si appresta ad affrontare una settimana di fuoco.
Domenica prossima l'undici allenato da Francesco Cudazzo affrontera' in trasferta il Liberty, il team che divide con la Virtus Casarano la leadership del torneo d'Eccellenza.
Il giovedi' seguente il club presieduto da Salvatore Polimeno ospitera' l'undici casaranese nella gara di ritorno valida per i quarti di finale di Coppa Italia.
Infine, domenica 7 dicembre, Stefano Melissano e compagni riceveranno l'Ostuni, formazione con la quale dividono la terza piazza dietro al tandem di testa.
In pochi giorni, pertanto, il complesso rossonero si giochera' una fetta di futuro.

"Bisognera' concentrarsi su ogni singolo impegno senza pensare nemmeno un po' a quello seguente - dice Marco Ingrosso, esterno sinistro del Sogliano - Nel giro di una settimana dovremmo vedercela con tre squadre di indubbia caratura, il che avverra' dopo la caduta subita al cospetto del Copertino. In tutti noi, quindi, c'e' grande voglia di riscatto".
Martedi' scorso, nel chiuso dello spogliatoio, l'entourage rossonero ha analizzato i perche' dello stop rimediato contro i rossoverdi, proiettandosi verso la super-sfida contro il Liberty.
"Abbiamo sbagliato nel concedere il pallino del gioco che ha cosi' iniziato il match decisamente meglio di noi, andando ben presto in gol - sottolinea Ingrosso - Guai a ripetere questo errore contro il complesso barese che dispone del miglior attacco del campionato e che puo' contare anche su una retroguardia solida".

Atletico Corato: Rientra mister Lotito dopo la maxi squalifica

27 novembre 2008
di Salvatore Vernice

Ultima trasferta del girone di andata, quella che domenica prossima vedrà il Corato recarsi ancora nel Salento e precisamente a Copertino.
Archiviato il secondo pareggio consecutivo, dopo tre sconfitte successive, il Corato si sta concentrando su questa difficile sfida che, dopo un mese di squalifica, vedrà nuovamente in panchina il tecnico Michele Lotito (foto: Francesco Roselli).
Infatti la maxi squalifica dell’allenatore coratino, che era stato espulso a Castellana per aver indicato al guardalinee che c’erano due palloni in campo, è sembrata eccessiva rispetto anche ad altri episodi violenti accaduti nel passato.
Una situazione che nelle settimane seguenti ha visto il Corato penalizzato oltre misura e su cui Michele Lotito non vuole assolutamente ritornare.

«Credo di poter dire con franchezza – spiega l’allenatore del Corato – che ora abbiamo altri problemi da affrontare, non tocca a me parlare di ciò che è successo, argomenti che le immagini televisive e i nostri dirigenti hanno già affrontato. Passando alla gara di domenica, dovremo fare a meno di due squalificati, l’attaccante Pace e il difensore centrale Abbrescia, ed è su questa situazione che dobbiamo concentrarci, per arrivare a Copertino in maniera tranquilla, augurandoci di poter continuare la nostra mini striscia positiva».

In queste ultime giornate il Corato ha sempre avuto il problema della finalizzazione delle sue giocate, mentre in difesa al minimo errore veniva punito.
«Un’analisi esatta e che anche noi abbiamo affrontato. Forse è anche un problema di “testa”, forse una mancanza di fiducia nei nostri mezzi, venuta meno rispetto all’anno scorso dove, escluso Pace, riproponiamo lo stesso attacco che ci ha permesso di conquistare il terzo posto. Bisogna cambiare registro e avere un approccio diverso alla partita, perché con un intero girone di ritorno, tutto può ancora accadere, facendo però attenzione a ciò che succede avanti e, soprattutto, dietro di noi».

Nardo' - Lucera: Diretta TV su Salento Channel

27 novembre 2008
Comunicato stampa Nardo' Calcio

La società Nuova Nardò Calcio comunica che, a seguito del provvedimento di squalifica del campo per una gara, comminato dal Giudice Sportivo a carico della società Nuova Nardò, la gara della 16^ giornata del campionato di Eccellenza, in programma domenica 30 novembre alle ore 14:30 tra Nuova Nardò e Lucera Calcio, si disputerà presso lo stadio Comunale "Vittorio" di Trepuzzi in assenza di pubblico.
Accordi intrapresi tra la società di via Rubichi e l’emittente televisiva Salento Channel, permetteranno ai numerosi tifosi granata di seguire la gara di domenica, in diretta su Salento Channel, presente sul bouquet Sky al canale 952, oppure direttamente sul sito internet salentochannel.tv dalle 14.15 .

Asd Castellana: Il primo rinforzo e' Francesco Tenzone

27 novembre 2008
da Asdcastellana.it

Francesco Tenzone (nella foto a sinistra) e' il primo acquisto ufficiale del mercato invernale per l'Asd Castellana.
Il 25enne trequartista barese, proveniente dallo Japigia Bari, ha firmato oggi pomeriggio il contratto che lo lega alla societa' castellanese. Tuttavia potra' essere a disposizione del mister soltanto dal 1 dicembre.
Mentre per Giuseppe Colacicco manca solo l'ufficialita', in quanto si attende il transfert dalla Spagna.

Boys B. Calcio - Victoria Locorotondo: Si gioca sabato a Francavilla

26 novembre 2008
di Alessandro Lisi

La 16^ giornata del campionato di Eccellenza osserverà un anticipo.
Infatti la gara tra Boys Brindisi e Victoria Locorotondo verrà giocata sabato 29 novembre.
Motivo dello spostamento la partita casalinga del Brindisi Calcio, capolista della serie D, in programma domenica 30 novembre.
Per questo i rossoblu giocheranno a Francavilla (nella foto: lo stadio Giovanni Paolo II) invece che nel capoluogo brindisino. Come sempre l'incontro inizierà alle 14.30.

Nardo' - Lucera: Si gioca al "Vittorio" di Trepuzzi a porte chiuse

26 novembre 2008
Comunicato stampa Lucera calcio

La società U.S.D. Lucera Calcio comunica che, a seguito del provvedimento di squalifica del campo per una gara comminato dal Giudice Sportivo a carico della società Nuova Nardò, la gara della 16^ giornata del campionato di Eccellenza in programma domenica 30 novembre alle ore 14:30 tra Nuova Nardò e Lucera Calcio si disputerà presso lo stadio Comunale "Vittorio" di Trepuzzi (nella foto) in assenza di pubblico.

Asd Liberty: Progetto ambizioso. Parola di De Santis

25 novembre 2008
da Libertycalcio.com
Nicola De Santis (nella foto), centrocampista barese, classe '85, cresciuto nelle giovanili del Bari, è alla sua prima stagione al Liberty.
Dopo l'infortunio patito a inizio campionato, uno stiramento all'adduttore che lo ha tenuto fuori per cinque settimane, è tornato da due settimane a disposizione del mister Catalano, dimostrando di aver ripreso subito la giusta condizione.
Domenica scorsa, a Putignano, con bel tiro dal limite ha siglato il gol del 2-0, il suo primo gol in Campionato. Aveva già segnato nel ritorno degli ottavi di Coppa Italia contro il Mola.
Con questa breve intervista, cercheremo di far conoscere De Santis ai nostri tifosi e appassionati.

Nicola, ci descrivi brevemente la tua esperienza calcistica prima di approdare quest'anno al Liberty?
Dal 2004 al 2006 ho giocato per due stagioni al Brindisi, vincendo prima il Campionato d'Eccellenza per poi arrivare ai play-off l'anno successivo in D. Nella stagione 2006/07, ho giocato a Cattolica, in Emilia, sempre in D, prima di ritornare nel 2007/08 in Puglia, a Noicattaro, dove ho collezionato 12 presenze in C-2.

Cosa ti ha spinto a venire a giocare qui al Liberty?
Mi ha convinto e affascinato l'ambizioso progetto della Società e del Presidente Nicola Canonico.
Il nostro obiettivo è conquistare già quest'anno la serie D. Il passo successivo sarà quello di approdare presto nel calcio professionistico, siamo sulla strada giusta.

Cambiamo argomento. Dicci un po' dei tuoi hobbies e interessi...
A parte il calcio, ascolto musica e guardo film in DVD. Vado anche spesso al cinema. Altre mie passioni sono Internet e la playstation.

Infine Nicola, cosa ti auguri per il prossimo anno a livello professionale?
Ovviamente giocare con una certa continuità, cercando di dare un grosso apporto alla squadra e centrare insieme ai compagni gli obiettivi che la Società ha prefissato a inizio stagione.

A noi non resta che ringraziare De Santis per i minuti che ci ha dedicato prima dell'allenamento odierno, e augurare a lui un grosso "in bocca al lupo" per il proseguo della stagione.

Atletico Corato: Rutigliano: "Ora dobbiamo guardarci alle spalle"

25 novembre 2008
di Salvatore Vernice

Ancora un piccolo passo del Corato che dopo le ultime tre sconfitte consecutive interne, riesce a conquistare un solo punto, ma lasciandone due sul campo, che avrebbero potuto consolidare se avesse avuto maggiore determinazione sotto porta, oltre che ad un pizzico di fortuna in più.
Un Corato che è stato molto più combattivo nel primo tempo, mentre nella ripresa il Real Altamura ha stretto le sue maglie difensive e per il Corato tutto è diventato più difficile.
«La buona prova della domenica precedente – ha detto il presidente Luciano Rutigliano (foto: Asdcorato.it)non siamo riusciti a bissarla, almeno per tutta la partita. Abbiamo avuto delle buone occasioni, ma non siamo riusciti a concretizzarle anche perché in alcune occasioni, a mio parere, siamo stati troppo precipitosi nel concludere. La classifica, per il momento, è ancora tranquilla e tutto può ancora accadere, ma dobbiamo anche imparare a guardare ciò che succede alle nostre spalle, cosa che da quando è nata questa società, non era mai accaduto».
Pone l’accento sugli arbitri il direttore sportivo, Corrado Paparella.
«Non vuole essere un ritornello stonato, ma ancora una volta siamo stati penalizzati da un arbitraggio insufficiente che, non solo ci ha privato di un paio di rigori, ma nel finale ha portato all’espulsione di Pace per delle proteste che non meritavano il rosso diretto».

Acd Massafra: Pettinicchio: "Basta critiche. I tifosi stiano vicini alla squadra"

25 novembre 2008
di Graziano Fonsino

Sesta con ventidue punti e a quattro lunghezze dalla zona playoff, una sola sconfitta in quindici giornate, miglior difesa del campionato con sole sette reti subite, quasi qualificata alle semifinali di Coppa Italia.
Un’annata così in Eccellenza a Massafra non la ricordavano da anni. Meglio, non la ricordavano dall’ultimo anno in cui sulla panchina sedeva proprio Giacomo Pettinicchio (foto: GF Communication).
Domenica, poi, la squadra ha strappato il pari, è vero l’ennesimo, in dieci uomini contro undici, giocando in inferiorità numerica per oltre mezz’ora e costringendo, nonostante tutto, il Tricase nella propria area di rigore. Nonostante tutto questo i tifosi hanno contestato i massafresi a fine gara per l’ennesimo punto solitario conquistato, dimentichi della gara di coppa giocata solo tre giorni prima, e vinta contro il Brindisi, e ormai lontanissimi da quello che era il pensiero iniziale, quando tutti quelli che sedevano in tribuna incrociavano le dita esclamando “speriamo di salvarci”.
Pettinicchio è stizzito dall’atteggiamento di chi, durante la gara di domenica, non ha incitato per nulla i giallorossi, alzando la voce solo per contestare ogni azione andata male.
Per questo il tecnico massafrese chiarisce una volta per tutte: «Si è partiti con un progetto, che era quello di salvarci. Poi è venuta fuori la questione dei playoff. Non è un discorso di pareggi, anche se si parla di “pareggite”, il discorso è che la forza nostra al momento è questa, e la classifica rispecchia l’andamento del campionato».
Contesta quelli che vedono il bicchiere mezzo vuoto, e dice: «Non capisco perché si vuole vedere sempre il bicchiere mezzo vuoto. Domenica, ad esempio, abbiamo giocato dopo una gara di Coppa disputata tre giorni prima a Brindisi e vinta. Per me questa squadra sta andando bene. Non capisco il mal contento, visto che da anni questa squadra non occupava le posizioni medio alte di classifica in Eccellenza. Sino ad oggi abbiamo perso una sola volta giocando praticamente ogni domenica e giovedì».
Guarda avanti, pensa a dicembre, parla del mercato. Non fa nomi, si tiene sul vago.
Intanto De Virgilio e Magno sono già andati via, segno evidente che la società dovrà per forza di cose coprire le due assenze.
Non parla dei possibili acquisti, ma parla delle pecche di un Massafra di cui è comunque contento: «Abbiamo una buona difesa con un buon centrocampo, e anche i sostituti ricoprono i ruoli facendolo in maniera egregia. I problemi li abbiamo sulle corsie esterne e in avanti».
È dove il Massafra non possiede giocatori con grandi capacità individuali, e probabilmente, se non si interviene con il mercato riparatore di dicembre, sono difficoltà che i giallorossi si trascineranno sulle spalle sino a fine campionato.
Ritorna a parlare di classifica e pubblico, e ammette: «Certo, ci rendiamo conto che aggiungendo qualche punto di quelli persi nelle ultime giornate, adesso saremmo da soli dietro la coppia di testa, ma sarebbe stato un di più, una cosa clamorosa. I ragazzi in questo momento hanno bisogno dell’appoggio del pubblico. Non è possibile sentire solo critiche. Abbiamo una classifica che ci vede a pochi punti dalla zona playoff, siamo nei quarti di Coppa e abbiamo vinto l’andata in trasferta. Le squadre che vantano questa situazione non sono molte. Vorrei che i tifosi stiano più vicini ai ragazzi, incoraggiandoli. Non a me, ma ai ragazzi».
Appello fatto. Anzi, ripetuto.

As Bisceglie: Notariale: "Ottima gara ma tanta sfortuna"

24 novembre 2008
di Alessandro Ciani Passeri

E' un Notariale soddisfatto della gara dei suoi ma che impreca la malasorte quello che si presenta davanti alla stampa a pochi minuti dal termine della gara contro il Nardò (foto: Forzabisceglie.it).
"Ho fatto i complimenti ai ragazzi per la gara disputata oggi. Anche se il risultato non ci ha sorriso, credo che chi è sceso in campo abbia giocato con intelligenza tattica, non concedendo nulla agli avversari e riuscendo a creare diverse palle goal contro una squadra venuta a Bisceglie per chiudersi con tutti gli effettivi. Purtroppo non siamo riusciti a concretizzare le diverse occasioni create, riuscendo così a portare a casa un solo punto. E' innegabile che stiamo attraversando un periodo sfortunato in cui avremmo senza dubbio meritato di avere qualche punticino in più".
Bisceglie che va spedito in coppa e a rilento in campionato: "La Coppa è una competizione a cui crediamo tantissimo e nella quale abbiamo intenzione di andare fino in fondo. In campionato come detto in precedenza, stiamo trovando qualche difficoltà, complice anche le tante squalifiche accumulate e qualche infortunio di troppo, anche se sono certo che riusciremo a recuperare il terreno perduto."
Oggi la seconda gara di Daniele Medico, il quale però non ha inciso molto:
"Daniele proviene da sette mesi di stop ed è chiaro che non sia al top della forma. Oggi comunque ha mostrato dei miglioramenti rispetto a sette giorni fa. Ha bisogno di giocare e di trovare la condizione ideale e credo che possa essere molto utile alla nostra causa. Si sta lavorando per perfezionare il suo inserimento nei meccanismi della squadra così come da Dicembre sarà inserito l'altro nuovo arrivo Sardella. Le potenzialità per fare bene ci sono, dobbiamo continuare a lavorare ed avere pazienza."

Lucera calcio: Pitta: "La Virtus ha meritato di vincere"

24 novembre 2008
da Usluceracalcio.it

Le dichiarazioni del presidente del Lucera, Gianni Pitta, al termine della gara Lucera - Casarano:

Abbiamo pagato due ingenuità che ci hanno costretto ad inseguire una squadra che tatticamente è la migliore che abbia mai visto in questo scorcio di campionato. Il doppio vantaggio del Casarano del primo tempo, sono due regali natalizi offerti anticipatamente ad una squadra che comunque resta la migliore vista al Comunale di Lucera. Il Casarano ha meritato la vittoria ma noi abbiamo fatto del nostro meglio per offrirla su di un piatto d'argento, nel secondo tempo se possibile con l'ingresso di Zoila abbiamo anche peggiorato la situazione tattica, Salinno è stato costretto ad indietreggiare sulla linea di centrocampo e Zoila non è riuscito a far cambiare il passo alla squadra, lento e prevedibile non ha mai messo un assist per i due attaccanti, i quali sono stati bloccati da una difesa attenta e ben messa in campo. Non mi piace usare mezzi termini, ma pur riconoscendo il grande potenziale del casarano, il Lucera visto in campo non è la squadra che conosco, non siamo mai riusciti ad impensierire il portiere avversario, tranne in due occasioni, una di Salinno e quella del gol annullato e che a mio avviso era più che regolare. Adesso bisogna rimboccarsi le maniche e riemergere con umiltà e personalità.

Ucd Japigia - Usd Terlizzi 0-2

23 novembre 2008
da Usdterlizzicalcio.it

Terza vittoria in campionato per il Terlizzi, prima in trasferta: uno-due di Roselli e Manzari (nella foto) e sesto risultato utile per i rossoblu che si portano al quint'ultimo posto, a un punto dal Brindisi, a due da Altamura e Tricase.
Mister Caricola schiera il suo Terlizzi con un albero di Natale abbastanza ricco di luci, nonostante le assenze di Carella, Ronzullo e Clementini. La rosa del club rossoblù è abbastanza ricca di petali da poter sopperire alle numerose assenze. In attesa di poter fruire del peso in attacco di Zagaria, il fronte offensivo si regge sul solo Manzari; un po’ più bassi ci sono i due esterni, Roselli a sinistra, De Francesco a destra; mediana a tre con Sangirardi basso, D’Ambrosio (tra i migliori, soprattutto nel primo tempo) e Anaclerio; difesa a quattro, con Ricci e Rizzi centrali e i due juniores Liso e Bonasia che compongono il tris d’under con il portiere Lovecchio, impegnato una sola volta nell’arco della partita (uscita tempestiva su De Donno, a giochi praticamente fatti).
Le merengues terlizzesi (in completo bianco) tengono meglio il campo dell’avversario ma per tutto il primo tempo soffrono le marcature baresi. Faccitondo è praticamente perfetto su Manzari e le uniche preoccupazioni dalle parti di Leleuso le creano gli inserimenti sempre astuti di Michele D’Ambrosio.
Poche le note di cronaca nel corso della prima frazione: una punizione insidiosa di Mastrolonardo per lo Japigia, un colpo di testa mancato da ottima posizione di Ricci per il Terlizzi e poi ancora gli ospiti alla conclusione con Roselli che fa le prove generali del gol.
Al 25’ Zizzariello salva di testa sulla linea su D’Ambrosio che raccoglie un cross di De Francesco. La ripresa si apre con la bella volée di sinistro di Roselli che non lascia scampo a Leleuso: è il primo gol stagionale per l’ex Noicattaro.
Non c’è reazione, neppure nervosa, dei baresi. Terlizzi appare padrone del campo.
Al 15’ Anaclerio serve Manzari sul cui tiro vola Leleuso.
Ma al 20’ il portiere biancoverde nulla può sul tuffo di Manzari a incornare un corner lungo di De Francesco.
Al 35’ il centravanti bonsai barese potrebbe triplicare: si scontrano De Palma e Faccitondo, l’ex Noicattaro è solo ma calcia fuori.
Lovecchio esce bene di piede su De Donno al 43’ (la migliore occasione per i padroni di casa).
Al 46’ lo 0-3 (sarebbe stata comunque una punizione eccessiva per lo Japigia) sembra cosa fatta: calcia De Francesco, Leleuso respinge di piede, riprende Grasso ma incoccia il palo.

UCD JAPIGIA
Leleuso, Midio, De Palma, Faccitondo, Viola, Gagliardi, Zizzariello, Tateo, Cisternino (28’ st De Donno), Mastrolonardo, Amoruso (15’ st Grandolfo). A disp. Ferrara, Dammacco, Fusco, Daddario, Bottalico.

USD TERLIZZI
Lovecchio, Liso, Bonasia, Ricci, Rizzi, Sangirardi, De Francesco, Roselli (38’ st Grasso), Manzari (41’ st Conteduca), D’Ambrosio, Anaclerio (25’ st Landi). A disp. Damato, Sfarzetta, Zecchino, Menolascina.

Stefanizzi Sogliano - Asd Copertino 1-2

23 novembre 2008
di Redazione

Colpaccio del Copertino che espugna il terreno del forte Sogliano e lo aggancia in classifica al secondo posto.
Gia' al 10' il team allenato da Beppe Mosca sblocca il risultato: Mitri batte una punizione, nella tre quarti di campo del Sogliano, mandando la sfera a spiovere in area; Brescia spizzica la sfera di testa, respinge la difesa rossonera ma sulla palla si avventa Palmisano che batte imparabilmente Micheli.
La reazione dei padroni di casa e' abbastanza sterile e le uniche due occasioni della prima frazione provengono da due traversoni insidiosi di Manco, al 30' ed al 46', che si concludono in un nulla di fatto.
Ad inizio ripresa il raddoppio rossoverde con Brescia che al 5' riceve un passaggio filtrante dalla destra di Palmisano e sigla un gol da vero opportunista d'area di rigore.
Al 32' ancora Brescia ha l'opportunita' di triplicare le marcature rossoverdi, ma il fantasista, a tu per tu con Micheli, si fa ipnotizzare calciando fuori.
Dieci minuti dopo il Sogliano accorcia le distanze: ci pensa Mortari ad insaccare uno splendido calcio di punizione da posizione defilata che sorprende l'incolpevole Musacco (nella foto in alto).
Potrebbe essere troppo tardi per le speranze rossonere, ma al 47' il sig. Strippoli di Bari decreta un calcio di rigore a favore della formazione di casa per fallo di De Braco. Sul dischetto si presenta ancora Mortari che, pero', si fa intuire il tiro del pareggio dall'ottimo Musacco, eroe di giornata, che si lancia sulla sinistra e devia in corner.
E' festa in campo tra i calciatori rossoverdi e sugli spalti occupati dai tifosi ospiti. I calciatori rossoneri si mordono le mani ripensando alla ghiottissima occasione sprecata.

ASD COPERTINO
Musacco, Carrino, Contessa, Petrachi, Riontino, De Braco, Palmisano, Quaresimale, Brescia, Mitri (84’ De Razza),Frisenda. A disp: Madaro, Ratta, Verdesca, Stella, Mastria, Carichino.

STEFANIZZI SOGLIANO
Micheli, Fiore (65’ Lillo), Schito, Branà, Ricciato, Melissano, Tundo (48’ Spagna), Patruno, De Benedictis, Manco (56’ Tondo), Mortari. A disp: Fonseca, Ingrosso, Zilli, Biasco.

As Bisceglie - Nardo' Calcio 0-0

23 novembre 2008
Comunicato stampa Bisceglie Calcio

Un pareggio scialbo quello conquistato quest'oggi dal Bisceglie di Notariale nel match casalingo contro il modesto Nardò. Una partita a lunghi tratti noiosa, in cui sono stati gli errori a farla da padrone.
Meglio il Bisceglie nel primo tempo con un paio di occasioni clamorosamente sbagliate da Balducci e soci, nel secondo tempo cala anche il Bisceglie, con il Nardò che si è difeso con i denti con tutti i suoi effettivi riuscendo a conquistare un buon pareggio. Risultato quello odierno che allontana ulteriormente i nerazzurri dalla zona Play Off. Facce scure al termine dell'incontro nel clan stellato. Con il pareggio di oggi sono solo otto i punti conquistati nelle ultime otto gare, con cinque pareggi, una vittoria e due sconfitte. Sicuramente un periodo non positivo per la squadra di Notariale che, a parte il buon andamento in Coppa, non sta dimostrando il suo reale valore.
Primo Tempo: Bisceglie con in campo la formazione pronosticata alla vigilia, con Frappampina al posto dello squalificato Schirone, e con Lestingi e Moreo in mediana coadiuvati dagli esterni Balducci e Malerba. Tribuna per il giovane Mazzone, colpito da uno stiramento durante la rifinitura.
Al 3' Bisceglie vicino al goal con un colpo di testa di Di Donna su angolo battuto da Moreo, con Di Marco ad opporsi alla grande.
Il nulla fino al 18' quando Lestingi ci prova dalla distanza con un tiro che fa la barba al palo.
Bisceglie che detiene il possesso palla, Nardò che si difende con tutti i suoi effettivi.
L'ultima palla goal prima del fischio finale della prima frazione è clamorosa: Moreo calcia una punizione dalla destra, la palla giunge sui piedi di Balducci che solo e ben appostato, spara clamorosamente alto sopra la traversa.
Secondo tempo: Le squadre rientrano in campo senza nessun cambio. Il Nardò sembra voler uscir fuori la testa, ma è il Bisceglie a sfiorare la rete sugli sviluppi di un angolo battuto da Moreo e spizzicato di testa da Medico, ma è provvidenziale una deviazione di un difensore ospite.
Al 16' incredibile errore del bomber stellato Di Pinto. Santoli spinge sulla corsia sinistra, passaggio rasoterra a centroarea, velo di Medico per Di Pinto con conclusione sopra la traversa da pochi passi.
Il Bisceglie non riesce a sfondare complice la difesa su calcio piazzato dalla distanza, ma la palla termina a lato. Notariale manda in campo il recuperato Pasculli nella speranza di dare vivacità all'attacco. Il Nardò riesce a reggere andando vicino alla marcatura nell'unico tiro in porta di tutta la gara: siamo al 45' quando De Padova sugli sviluppi di un rapido contropiede, spara dalla distanza sfiorando la traversa.

AS BISCEGLIE
Cagnazzo, La Salandra, Frappampina, Di Donna, Santoli, Malerba (25' st Pasculli), Balducci (41'st Di Pierro), Moreo, Medico, Lestingi (47' st Porcelluzzi), Di Pinto. A disp: Ricchiuti, Colangelo, Ruggiero, Mennuni.

NARDO' CALCIO
Di Marco, Mastria, Buono, Polo, Citto, Esposito, Elia (39' st De Mitri), De Padova, Patera, Tartaglia, De Benedictis (30' st Striano). A disp: Adamo, Montefusco, Collaro, Ingrosso, Volturno
.

Asd Putignano - Asd Liberty 0-3

23 novembre 2008
da Barilive.it

Decima vittoria su quindici partite di campionato, la sesta consecutiva.
Sono questi i numeri di un Liberty che diventano ogni settimana più imponenti e adesso parlare di fuga è inevitabile visto che le seconde (Sogliano ed Ostuni raggiunte ieri dal Copertino) sono a ben nove punti dai biancazzurri e dal Casarano, unica formazione a tenere testa alla compagine di mister Catalano.
La vittoria di domenica, giunta fuori casa contro un sempre più disperato Putignano, ha visto un nettissimo predominio territoriale dei biancazzurri che, facilitati dall’enorme divario tecnico esistente rispetto agli avversari, hanno dominato sin dai minuti iniziali del match e il risultato, un secco 3-0, avrebbe anche potuto essere più largo.
Dopo la non esaltante prova di Coppa Italia di giovedì contro l’Alberobello, Catalano deve rinunciare, oltre al lungodegente Costantino (per il capitano si prevede un lungo stop per l’infortunio al ginocchio) agli squalificati Lovergine e Carlucci.
Il mister barese, quindi, dà spazio dal primo minuto al match-winner di giovedì Loseto e piazza al posto di Carlucci nel cerchio di centrocampo De Santis. Le scelte di Catalano vengono ripagate alla grande visto che la prima frazione di gara si chiude con un rassicurante 2-0 griffato proprio da Loseto, che segna il suo terzo gol in due partite dopo la doppietta in coppa, e da De Santis che sigla il suo primo centro in campionato.
I padroni di casa, che nelle precedenti quattordici gare di campionato avevano collezionato soltanto due vittorie, un pari e ben undici sconfitte, non hanno nessun tipo di arma da contrapporre alla forza d’urto del Liberty e non riescono praticamente mai ad impensierire l’estremo difensore biancazzurro.
Il secondo tempo è, quindi, puro divertimento per il Liberty che gioca con il Putignano come il gatto fa con il topo, seppur decidendo di non infierire su una compagine, staccata di cinque lunghezze dalla zona playout e di nove dalla zona salvezza, sempre più accreditata alla retrocessione diretta. Il match si avvia così ad una tranquilla conclusione non prima di aver salutato, però, quello che è il settimo sigillo in campionato del bomber Suarez che stampa il 3-0 finale nei minuti conclusivi dell’incontro.
Il Liberty, sempre più protagonista del campionato, coglie un’altra vittoria e domenica ritornerà a giocare fra le mura amiche ricevendo la visita del Sogliano, buon banco di prova per rendere ancora più concreta la fuga lanciata questa settimana considerando che, almeno sulla carta, in caso di vittoria del Liberty contro il Sogliano, la marcia a braccetto dei biancazzurri e del Casarano dovrebbe proseguire visto che i salentini domenica prossima ospiteranno un’altra squadra molto pericolante, lo Japigia, che difficilmente riuscirà ad arrestare la corsa dei rossoblu.

ASD PUTIGNANO
Leuzzi, Palmisano, Console, Bellantuono, Frecentese, Pace, Genco, Polieri (1'st Balducci), Luceri, Testone, Vittorione. A disp: Lacandela, Giannandrea, Sorresso, Troilo, Dentamaro.

ASD LIBERTY
Anaclerio, Paris (15'st Tridente), Rubini, Menga, De Santis, Visceglia, Portoghese, Loseto (26'st Uva), Carminati, Bitetto, Suarez. A disp: Loporchio, Zaccaro, Moramarco, Palazzo, Damiani.

Atletico Corato - Real Altamura 0-0

23 novembre 2008
da Asdcorato.it

Termina a reti bianche il derby delle Murge tra il Corato e il Real Altamura, un risultato che non accontenta nessuna delle due contendenti e che forse vede recriminare il Corato per alcune decisioni arbitrali, ma anche per alcuni errori commessi in fase conclusiva.
La partenza del Corato è al fulmicotone e dopo 50 secondi una punizione di Picciariello mette in condizioni Lanotte di crossare al centro, ma Leonetti arriva con una frazione di ritardo non riuscendo ad impattare la sfera.
Passa un minuto e il Corato protesta per un fallo in area, sembrato abbastanza evidente, ai danni di Pace (foto: Francesco Roselli); per l'arbitro marchigiano Mancini è tutto regolare.
Nei primi minuti è il Corato a fare la gara e al 4' un contropiede innescato da Pace, porta al tiro Asselti, ma la sua mira non è precisa.
Al 9' viene anche annullata una rete a Leonetti che si fa trovare pronto sulla punizione di Picciariello, ma per l'assistente Malagnino, di Taranto, il capitano si trovava in fuorigioco.
Dopo questa raffica di azioni, il Real si organizza e si fa vedere al 21' con una staffilata di Martimucci parata con le ginocchia da Di Vincenzo.
Il Corato si fa vedere di nuovo in avanti al 26' con tiro dalla distanza di Asselti che l'estremo altamurano devia con qualche difficoltà.
Nel finale di tempo, al 38', Bellante supera Abbrescia e con un diagonale sfiora la porta di Di Vincenzo.
La ripresa inizia con un ritmo inferiore, rispetto al primo tempo, e il primo tentativo del Corato è al 10' con Leonetti che si libera per il tiro, ma viene anticipato in calcio d'angolo.
E' ancora il Corato pericoloso al 18' con una bella giocata di Asselti per Pace che si libera per il tiro che termina a lato.
Il Real Altamura gioca soltanto di rimessa, mentre il Corato al 37' ha una buona occasione con Tritta che entra in area e serve Pace, che prima non riesce a trovare la porta, con il tiro respinto dal portiere e poi sulla ribattuta, viene atterrato.
L'ultima nota riguarda l'espulsione di Pace al 46' che fermato dall'arbitro per un presunto fuorigioco, protesta meritando per l'arbitro il rosso diretto, costringendolo così a saltare la trasferta di domenica a Copertino.

ATLETICO CORATO
Di Vincenzo, Cataldo, Lanotte, Picciariello, Abbrescia, Cacciapaglia, Asselti, Curci (46' Musti), Leonetti (73' Tritta), Frascolla (60' Santarsiero), Pace. A disp: Camporeale, Abbasciano, Abbruzzese, Martinelli.

REAL ALTAMURA
Matarrese, Proscia, Caputo, Martinucci (89' Maresca), Soto, Di Benedetto, Valdez (69' Tranfa), Vicenti, Bellante, Righetti, De Febbo. A disp: Portoghese, Salvi, Mazzilli, Di Matteo, Recchia.